Top

logo9

Welcome to our blog

Giunge alla 22esima edizione l’appuntamento con una delle mostre mercato di antiquariato più importanti e rinomate del territorio romagnola: Babilonia torna alla Fiera di Forlì per proporre al pubblico un altro week end speciale per i collezionisti e appassionati del genere.

Come sempre sono numerosi gli stand e gli esperti che partecipano a Babilonia di Forlì, fornendo al pubblico una vasta serie di proposte per l’arredamento in stile retrò, il collezionismo o la semplice curiosità nello scoprire le tante offerte di questo importante appuntamento.

Babilonia 2012 non sarà incentrato solo sull’antiquariato ma anche su modernariato, brocantage e collezionismo, con articoli vecchi ma non antichi, complementi d’arredo e oggetti di ogni genere. Saranno presenti infatti anche fumetti, francobolli, vecchie schede telefoniche e molto altro ancora, con numerose proposte per gli amanti delle collezioni d’altri tempi.

La Fiera Babilonia 2012 di Forlì si terrà il 10, 11 e 12 Febbraio alla Fiera di Via Punta di Ferro per un nuovo week end dedicato alla passione per l’antiquariato e lo stile retrò
doratura seconda parte


Già dai tempi più antichi, parallelamente alle tecniche di autentica doratura, si cercò di falsificare e imitare l’oro tingendo argento, piombo o stagno,
con decotti e vernici colorate. Numerosi sono i trattati che tramandano complicate ricette, sia in epoca romana che nell’Alto Medio Evo. In questo periodo si diffondono molti ricettari di origine ellenistica che divennero poi il bagaglio culturale di monaci miniatori, pittori e artigiani.

A partire dal Medio Evo, sia in Occidente che in Oriente la doratura diventa una tecnica a sé stante che poteva variare a seconda degli artigiani e dei loro segreti di bottega. I miniatori, ad esempio facevano largo uso dell’”oro in conchiglia”, cioè oro macinato con gomme naturali e steso a pennello sui manoscritti, come fosse un colore ad acquarello. Il suo nome era dovuto all’uso di conservare la finissima polvere nella valva di un mollusco.I sistemi di doratura più diffusi nel Medioevo e nel Rinascimento erano i metodi detti “a guazzo “ e a “missione”.Generalmente l’operazione della doratura era eseguita dallo stesso artista, autore dell’oggetto da dorare; a partire dal Cinquecento sorsero corporazioni di doratori specializzati come quelli parigini per il cuoio.
Durante il periodo Barocco fu in grande auge la doratura dei mobili.

In Francia i primi mobili dorati risalgono allo stile Luigi XIV e tale tipo di decorazione durò fino a tutto il regno di Luigi XVI. In Inghilterra, invece, la moda dei mobili dorati fu più breve, introdotta attorno al 1660 declinò dopo solo un secolo. Anche per i mobili dorati le tecniche più diffuse erano quelle “ a guazzo” e “ a missione” e spesso potevano essere in parte brunite, cioè lucidate, e in parte lasciate opache, per creare contrastanti riflessi.Un metodo più economico di doratura già impiegata nel Medioevo ma che si diffuse soprattutto a Venezia a partire dal XVII secolo, fu quello della doratura “a mecca”. L’origine di tale tecnica risale probabilmente all’antica Cina anche se la denominazione deriva dalla omonima città araba. Questa tecnica fu molto usata per le cornici e consisteva nell’applicare una foglia d’argento laccata in colore oro.

divanoantiquariato del lusso


Una fiera dell’antiquariato di lusso si terrà presso Harewood House sul finire della settimana. Nella storica dimora della campagna inglese, a dieci chilometri dalla città di Leeds (West Yorkshire), si potranno ammirare tanti capolavori vintage da venerdì 27 a domenica 29 gennaio.

Notevoli i lotti in vetrina, il cui fascino esclusivo verrà esaltato dalla splendida cornice espositiva: una struttura edificata nel XVIII secolo, vistosamente modificata nell’Ottocento, per assumere un aspetto neoclassico. In questo scenario i cultori degli oggetti storici potranno deliziarsi tra le tante proposte offerte al godimento dai collezionisti e dagli addetti ai lavori.

Parigi, Musée d’Orsay

BEAUTÉ, MORALE ET VOLUPTÉ DANS L’ANGLETERRE D’OSCAR WILDE

Parigi, Musée d’Orsay

13 settembre 2011 – 15 gennaio 2012

Lame di sole caldo e radente su di un cielo spesso e violaceo giocano con la superficie increspata dell’acqua. Le chiome degli alberi delle Touileries, accese d’oro e d’arancio si agitano scarmigliate dal vento lungo gli argini della Senna, a pochi passi dal Musée d’Orsay, dove sono diretta. L’autunno parigino, con la sua decadente bellezza, è il perfetto preludio alla mostra che sto per visitare, i suoi colori così simili alle tinte ardenti proprie dei dipinti inglesi del XIX secolo.

Leggi tutto: parigi

"Ripartire dalla bellezza". I risultati del Censis presentati a Roma

Roma - Saranno presentati oggi a Roma i risultati della ricerca curata dal Censis sulle speranze e i punti di forza nell’Italia della crisi
promossala Fondazione Marilena Ferrari. Durante il convegno sarà lanciato il premio giornalistico «La voce della bellezza italiana» dal tema «L’Italia etica racconta la sua bellezza», per condividere riflessioni sul grande, e poco valorizzato, patrimonio artistico e umano che il nostro Paese ci offre.
© 2010 - 2011 - Arte.it - Nexta

Roma - Alla Gagosian Gallery arriva la personale di Damien Hirst. “The Complete Spot Paintings 1986-2011”verrà presentata simultaneamente in tutte e undici le gallerie Gagosian nel mondo nelle sedi di New York, Londra

Leggi tutto: gagosian

Subscribe our Newsletter