Top

logo9

Welcome to our blog

??

NEL SEGNO DI MICHELANGELO E RAFFAELLO

Roma, Museo Fondazione Roma – Palazzo Sciarra Colconna

24 ottobre 2011 – 12 febbraio 2012

Nonostante la povertà, le carestie, la Riforma luterana e le guerre, la Roma del ‘500, almeno dal punto di vista culturale e artistico, poteva considerarsi come il centro di riferimento di tutta l’Europa. Era la città del Rinascimento, e sotto la guida di grandi papi, divenne approdo di artisti provenienti da ogni parte della penisola e del continente. Basti pensare ad esempio, solo tra i maggiori, a Michelangelo che lavorava alla Sistina, o a Raffaello che dipingeva le stanze di Giulio II in Vaticano e la Loggia di Amore e Psiche a Villa Farnesina per Agostino Chigi

Leggi tutto: nel segno di michelangelo

DECRETO “SALVA ITALIA”: SODDISFAZIONE DI ORNAGHI PER LE DISPOSIZIONI INERENTI I BENI CULTURALI

Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali, Lorenzo Ornaghi, ha dichiarato soddisfazione per le nuove disposizioni in materia di sviluppo del settore dei beni e delle attività culturali che entreranno in vigore in base al decreto legge sulla manovra economica approvata dal Consiglio dei Ministri.

Leggi tutto: decreto salva italia

EMPEREURS DE CHINE ET ROIS DE FRANCE

Parigi, Musée du Louvre

29 settembre 2011 – 9 gennaio 2012

Seduta sulla metrò di ritorno verso casa, dò un’occhiata agli appunti che ho preso durante la mia lunga visita al Louvre. Un’infilata di date, nomi, quasi tutti cinesi, titoli di opere d’arte e descrizioni di oggetti di artigianato, un’insieme aggrovigliato di dati sterili che dubito mi permetterà di produrre una recensione spumeggiante. Quando, sempre in metropolitana, qualche mese fa, avevo scorto la locandina che pubblicizzava la mostra “La Città Proibita al Louvre”, la mia mente di sognatrice mi aveva immediatamente catapultata tra antichi mobili di legno di rosa, baldacchini scuri,

Leggi tutto: museo du louvre

museo dei pupipupi 1

L’arte dei pupari è un’arte antica in alcune regioni italiane, soprattutto in quella siciliana. Qui esiste addirittura un museo del teatrino e dei “pupi”. Il museo di cui stiamo parlando si trova a Caltagirone, in provincia di Catania, l’esposizione è stata inaugurata nel 1992 e offre una carrellata storica di oltre 120 pupi della scuola pupara catanese (i più antichi sono del 1918-20), insieme a cartelloni d’epoca, armature, costumi e scenari.

Leggi tutto: museo dei pupi a caltagirone

Settimana della cultura

L’Italia è un Paese dallo straordinario patrimonio artistico e culturale. Si tratta di un tesoro dall’inestimabile valore che abbiamo avuto il privilegio di ricevere in eredità dai nostri antenati nel corso dei secoli. Questa fortuna risulta ancora maggiore potendone godere gratuitamente per nove giorni, dal 9 al 17 aprile prossimi. E’ quello che succede durante la Settimana della Cultura, giunta alla XIII edizione, che ogni anno apre gratuitamente le porte di musei, aree archeologiche, archivi e biblioteche statali, per una grande festa diffusa su tutto il territorio nazionale.

Leggi tutto: settimana della cultura

Una Scultura di Puglisi donata al Museo di Belle Arti di Béziers

Béziers è una sorta di Taormina francese. La città arroccata su un fiume, a pochi chilometri dal mare e dal confine spagnolo, ospita un Museo di Belle Arti da sempre caratterizzato dall’attenzione per le avanguardie: difatti nel 1901 vi esposero un ancora sconosciuto Pablo Picasso e Van Gogh.

Edoardo Puglisi, un artista irrispettoso e spiritoso che, con il baffo vagamente alla Dalì, sa essere un estroso pittore, disegnatore, scultore e fotografo. Edoardo Puglisi è nato a Catania. Proprio il luogo natio vuol rendergli omaggio attraverso la Provincia regionale di Catania che, in occasione dell’esposizione di Béziers, donerà al museo francese una scultura di Puglisi. A presenziare la cerimonia di inaugurazione della mostra – dal titolo “Les éclats d’une Couleur Sonore”, ovvero: l’urlo del colore – sarà il vice presidente della Provincia nonché assessore alle Politiche culturali Nello Catalano. “La scultura che l’Amministrazione Castiglione donerà al Museo di Belle Arti di Béziers rappresenta un Ciclope – ha affermato l’assessore – e sono felice che un personaggio mitico che rappresenta l’Etna e il viaggio di Ulisse, giunga in Linguadoca, una terra dalla storia antica, risalente all’epoca dei Romani che vi impiantarono viti ed ulivi a cui si deve l’incanto naturalistico di quei luoghi. Molti elementi uniscono la Sicilia alla Francia meridionale. Le testimonianze di cultura ed arte, che ne fanno centri affascinanti, sono adesso ulteriormente arricchite dalle opere di Puglisi”.

Leggi tutto: museo di belle arti

Subscribe our Newsletter